You probably do not come from: Italy.  If necessary, change to: United States

Rilevamento e analisi di oggetti e scene con i sensori di visione.

Potenti come un sistema con telecamera, semplici come un sensore

Nella tecnica di automazione i sensori di visione sono oggi una componente fissa dei sistemi di controllo del montaggio, della produzione e della qualità e, non per ultimo, un mezzo per aumentare l'efficienza. Si tratta di telecamere con analisi specifica per l'applicazione, dunque di occhi elettronici affidabili con un prezzo conveniente e un grado di integrazione elevato.

Dalla telecamera al sensore
Fino a pochi anni fa, erano necessari sistemi di telecamere molto costosi. Grazie alle innovazioni tecniche e alla riduzione continua dei prezzi dei componenti, è stato possibile realizzare funzioni sempre più intelligenti in spazi sempre più piccoli e con costi vantaggiosi.
I sensori di visione compatti non prendono il posto solo dei sistemi di telecamere, ma risolvono anche altre applicazioni. Nel caso del rilevamento variabile della posizione di oggetti o scene, ad esempio, sostituiscono sensori di prossimità complessi o soluzioni con sensori multipli, come ponti sensoriali per il controllo della completezza di pallet o casse di bibite.

Facili da integrare I sensori di visione si contraddistinguono per la loro semplicità. Mentre i sistemi di elaborazione delle immagini possono essere integrati nel processo di produzione per lo più solo da personale qualificato o anche da integratori esterni molto costosi, i sensori di visione grazie al loro carattere specifico per l'applicazione possono essere utilizzati senza preliminari conoscenze specifiche. Il motto è semplice: "parametrizzazione" al posto di una complessa "programmazione". I blocchi funzionali completi servono per l'integrazione nel PLC. La trasmissione dei dati, la parametrizzazione e la manutenzione da remoto vengono eseguite tramite l'interfaccia di processo Ethernet. Tutti i dispositivi hanno inoltre uscite di commutazione che segnalano la riuscita di un controllo. Per questo i sensori di visione sono facilmente utilizzabili come un sensore digitale.

Robusti e compatti
Un altro vantaggio: grazie al loro elevato grado di protezione e agli ampi range di temperatura, i sensori di visione ifm possono essere letteralmente portati molto vicino alla vera e propria applicazione. Inoltre, sono caratterizzati da un grado di integrazione particolarmente alto. Al contrario di soluzioni complesse con telecamera, tutti i collegamenti necessari quali illuminazione, lente, analisi e logica dell'uscita sono integrati all'interno di un corpo adatto alle applicazioni industriali. Con i sensori di visione di ifm, la realizzazione di funzioni quali il controllo della qualità, della completezza o la lettura di codici 1D e 2D è semplice e conveniente.

Competenza in soluzioni specifiche per l'applicazione

È importante fare la scelta giusta

Sensore di visione- DualisO2D
Rilevamento e ispezione di oggetti in un unico dispositivo.
Indipendentemente dal fatto che si tratti del rilevamento di un contorno o di analisi di BLOB, il sensore di visione 2D Dualis è in grado di implementare numerose applicazioni di ispezione e controllo a prova di errore durante tutto il processo di produzione.

Lettore di codici – Identificazione O2I
I codici a barre sono oggi molto diffusi e possono essere intesi come caratteri che possono essere letti da destra a sinistra. I codici 2D codificano le informazioni sulla superficie. Un po' come l'effetto domino, un'informazione univoca viene trasportata e a sua volta letta dal sensore O2I.

Sensore 3D – Rilevamento di oggetti O3D
Il sensore O3D rileva la scena corrente in prospettiva. Fornisce più di 23.000 valori in distanza utilizzabili per creare una moltitudine di sensori virtuali per verificare, ad esempio, la completezza di una cassa di bottiglie.